20 dicembre 2018:
cronaca di una giornata fuori dall’ordinario.

Presso la Sala Castiglioni - Campus Politecnico di Milano, il corso di Interactive Sportswear Design riunisce studenti da tutto il mondo.

20 dicembre 2018:<br>cronaca di una giornata fuori dall’ordinario.

Ci sono giorni che ti regalano quel qualcosa in più per il quale ringrazi il lavoro che fai. Il 20 dicembre nella sala Castiglioni - un nome che nel panorama del design, qualcosa da dire ce l’ha - ho vissuto l’immersione in un laboratorio internazionale di moda e design, con 5 gruppi di studenti da tutto il mondo, assortiti per provenienze e competenze, che di fatto rappresentano delle start up potenziali.

Si tratta della tappa di approdo del corso di Interactive Sportswear Design.
Dalla collaborazione tra il Politecnico di Milano e Slam, che ha offerto a giovani e promettenti designer la possibilità di lavorare sullo sviluppo di una linea di capi tecnici, sono nati progetti originali e innovativi ispirati a due percorsi: Performance and Safety (nella pratica velica) e Urban. I ragazzi hanno presentato i risultati del loro lavoro in team: definirla una capsule collection è tecnicamente corretto, ma riduttivo. Ci sono concetti, naming, video, atmosfere, attività digital, prodotti, comunicazione, tecnologia e innovazione.

I progetti hanno nomi affascinanti:

ISSA! - master the events
SU_NLAB collezione Kineo
ANYMO-RPHOUS - an oversight on my part
ZENA - Genova
IMUNIS - your innovation

Quest’ultimo gruppo ha anche raccolto la sfida della piattaforma di comunicazione di Slam I AM, declinandolo su coraggio, ambizione, passione, performance.

La scuola italiana che piace nel mondo

Tutti i gruppi sono strutturati, le idee sono buone, in qualche caso molto buone. Il metodo, invece, è eccellente. Per tutti.
Qui si vede la mano di Maurizia Botti, che è anche consulente Slam nella ricerca dei tessuti innovativi e di tecnologie applicate al mondo sportswear: docente del Politecnico e coordinatrice del progetto, ha costruito i flussi necessari per strutturare il brief insieme a Valentina Cavanna, Responsabile della linea tecnica di Slam. Inoltre, si sono aggiunti la mano e lo stile sapiente di Gianfranco Azzini, Designer Slam e Professore del Dipartimento di Design del Politecnico che ha tenuto una lezione sulla sua esperienza di lavoro nell’azienda genovese e nel mondo tecnico in generale, con la declinazione della tecnologia sul mondo sportswear, leisure e city.

Quello che ti porti via è una ventata di carica e fiducia. Questa è la nuova normalità, il futuro prossimo. Questo, un modello virtuoso di collaborazione Azienda-Università. Questa la scuola italiana che piace nel mondo. E capisci perché.
I M_The Mag” – FW 18-19 COLLECTION
Scopri il MAGALOG

I AM_The Mag è un magalog ricco di curiosità, passione, tecnica, performance e sportswear di ispirazione velica.
I AM_The Mag condivide i valori di Slam che vanno al di là di vento e mare. È l’incontro con il lato più umano e autentico dei campioni, con gli eventi e i circoli nautici più veri, è l’innovazione dei materiali e dei capi tecnici testati con gli atleti olimpici. Ma è anche una città, Genova, la nostra culla, fiera e scontrosa ma tutta da scoprire. I AM_The Mag siamo noi, siete voi: benvenuti a bordo.

Download now